Vista di un cranio riconducibile ad un Ursus Speleus
Alta Badia in quota

Nelle tue giornate attive, assicurati un momento di ristoro:

Scopri i Rifugi e le Baite dell'Alta Badia

L'evoluzione degli orsi spelei

Come visto in un capitolo precedente, lo svolgimento e la rapidità dell'evoluzione si deducono agevolmente dal numero e dalla forma dei premolari. Il progetto scientifico ora concluso «Evoluzione e cronologia dell'orso spelèo», finanziato dal «Fonds zur Förderung der wissenschaftlichen Forschung in Österreich», ha fruttato una quantità sufficiente di risultati fisici e paleontologici, cosicché ormai conosciamo bene l'evoluzione dell'orso spelèo. Nel diagramma della figura 27 si confronta lo sviluppo del premolare P4 della mascella con quello della mandibola. Valori assoluti dati per alcuni campioni col metodo dell'uranio e del radiocarbonio sono indicati in ka (chiloanni, migliaia di anni) ed evidenziano la rapidità dell'evoluzione, cosicché l'età geologica si può dedurre anche dallo stadio raggiunto dalla dentatura.

Una rapida (e perciò provvisoria) analisi della dentatura degli orsi delle Conturines ha dato i seguenti risultati:

1) Circa un quarto delle mascelle ha ancora un premolare P3; prima del grosso premolare P4 c'è ancora un dentino a forma di bottone, mancante negli orsi geologicamente più recenti. La relativa frequenza di tale caratteristica primitiva rivela uno stadio di evoluzione piuttosto basso.

2) Fra i tipi del P4 mascellare dominano le forme A/B, B1 e B/D, D, C, mentre il morfotipo A, caratteristico del medio pleistocene, raggiunge il 12% scarso. Quindi gli orsi sono posteriori al medio pleistocene.

3) Sorprendentemente il P4 della mandibola è ancora più evoluto. I morfotipi originari A e B 1 mancano totalmente. Domina il tipo tricuspidato C1, e si trovano in discreta quantità le forme molto complesse D1/2, D2 e persino C3, cioè esemplari con 5 cuspidi.

Il diagramma della figura 27 mostra i dati risultanti dal progetto «Evoluzione e cronologia dell'orso spelèo». Rispetto ai loro simili della pianura, i cui denti si evolsero più velocemente di quelli degli orsi d'alta quota (almeno nelle Alpi calcaree settentrionali), gli orsi delle Conturines assumono una posizione intermedia, che sembra collocarli in uno stadio precoce o medio del Würm.

Il livello di evoluzione dell'orso delle Conturines corrisponde a quello dello strato più recente rinvenuto nella grotta «Herdengelhöhle» nell'Austria Inferiore, risalente a «non più di 66.000 anni fa». Ma gli orsi delle Conturines sono molto più piccoli sia di quelli della grotta citata, sia di tutti gli altri orsi d'alta quota; nello stadio evolutivo sono molto simili agli orsi del Ramesch, risalenti quasi per intero ad una fase calda del medio Würm, verificatasi fra 65.000 e 30.000 anni fa.

Se dovesse risultare che la grotta delle Conturines fu abitata contemporaneamente a quella del Ramesch, la scoperta sarebbe sensazionale e dimostrerebbe brillantemente l'esistenza di una fase calda durante il medio Würm, confutando l'opinione di quasi tutti i geologi del quaternario e degli specialisti delle glaciazioni, che nel Würm ammettono soltanto una o due esigue oscillazioni termiche (interstadiali).

Gli orsi spelèi delle Conturines

Nel diagramma si mettono a confronto i livelli di evoluzione del P4 mascellare (ascisse) e del P4 mandibolare (ordinate). Per gran parte dei ritrovamenti di orsi spelèi furono calcolati i valori medi degli indici morfodinamici, dimodoché ogni punto marca il valore medio di uno sviluppo evolutivo più o meno lungo.
Solo in poche grotte si poterono distinguere strati di diversa età con sufficiente materiale in denti (Zoolithenhöhle in Franconia e Vindija in Croazia). Il profilo della grotta Herdengel in Austria Inferiore è quello elaborato meglio; ben cinque diversi livelli evolutivi hanno dato quantità di denti statisticamente significativi.
La evoluzione di ambedue i P4 fa apparire sul grafico una linea a forma di esse poco pronunciata, che da sinistra in basso sale verso destra in alto. L'età assoluta accertata viene espressa in ka (chiloanni, migliaia di anni); essa mostra la direzione e la velocità dell'evoluzione.

Abbreviazioni:
Brieglers. = Brieglersberghöhle, Totes Gebirge, Austria; Cert. = Certova dira, Moravia; DL = Drachenloch bei Vättis; FL = Frauenloch bei Semriach, Stiria; Hst. = Hohlenstein im Lonetal, Svevia; Ph = Podhradem, Moravia; SL = Schusterlucke, Austria; Sy = Sibyllenhöhle, Svevia; Zool. GL e Zool. Sp. = Zoolithenhöhle, Guloloch e Spalte, Franconia. = orso spelèo della pianura = orso spelèe delle Alpi alte = orsi spelèi da strati successivi utilizzabili cronologicamente.