Due uomini con un copricapo tipico della tradizione dell'Alta Badia
Alta Badia in quota

Nelle tue giornate attive, assicurati un momento di ristoro:

Scopri i Rifugi e le Baite dell'Alta Badia

La lingua ladina

La lingua ladina ha origini molto antiche e si parla quotidianamente in Val Badia, ma anche nelle altre valli intorno al Sella (Gardena, Livinallongo, Fassa, Cortina), nel Friuli e nel cantone dei Grigioni in Svizzera. Se la parlata ha origini antiche, la letteratura è invece relativamente giovane, i primi documenti risalgono al 1700, fino ad allora miti e leggende venivano trasmesse oralmente. Oggi sono in continua crescita gli autori e le pubblicazioni, il cui scopo è di diffondere un patrimonio culturale peculiare e in continuo divenire.

I ladini della Provincia di Bolzano (in Val Gardena e Val Badia) sono ufficialmente riconosciuti come terzo gruppo etnico e di conseguenza tutelati.

Qualche esempio per la tutela della lingua ladina:

  • l'ordinamento scolastico prevede lezioni settimanali di lingua e cultura ladina
  • il ladino viene adottato nella Pubblica Amministrazione
  • la RAI trasmette giornalmente il notiziario (TRAIL) e brevi trasmissioni radiofoniche in ladino
  • a scadenza settimanale esce la "Usc di Ladins", giornale in lingua ladina

Alcune brevi frasi in lingua ladina:

Buon giorno Bun dé
Buona sera Buna sëra
Buona notte Buna nöt
Come stai? Co vara pa?
Bene Bun
Dove vai? Ula vaste pa?
A casa A ciasa
Grazie Giulan
Arrivederci A s'udëi
Come ti chiami? Co aste pa inom?