Museo Ladino Ciastel de Tor a San Martino in Badia
Alta Badia in quota

Nelle tue giornate attive, assicurati un momento di ristoro:

Scopri i Rifugi e le Baite dell'Alta Badia

Il museo ladino Ciastel de Tor

Il museo ladino Ciastel de Tor si trova a San Martino in Badia. Il suo scopo è quello di preservare la lingua e le tradizioni ladine, così come l'identità e la cultura antica. Al suo interno uno sguardo interessante sulle leggende, la geologia, l'archeologia, il turismo e l'artigianato locale. Salvaguardare le antiche tradizioni significa tutelare un popolo che ha saputo mantenere intatta la propria identità culturale, e che ha saputo tramandare nel corso delle epoche un antico sapere.

Un po' di storia riguardo il museo ladino

L'edificio risale al 1230, quando fu costruita una prima torre disposta su tre piani. I primi documenti scritti risalgano invece al 1260, quando si parla di una "Turris in Geder" ovvero "Torre in Quadra" come sede del giudizio. Al suo interno operavano i signori di Rodank-Schöneck che nel corso degli anni fecero ampliare l'edificio con un muro di cinta merlato e con un nuovo palazzo di dimensioni più piccole. La torre, che fu rialzata ulteriormente di due piani, era usata come granaio.

Nel corso delle epoche si susseguirono ulteriori integrazioni , come l'ampliamento del castello romanico e l'aggiunta di altre due torri circolari. Nel 1803 l'edificio passò nelle mani di alcuni contadini locali. I loro discendenti vi abitarono per lungo tempo, tramandandone la proprietà di generazione in generazione.

Nel 1996 la Provincia Autonoma di Bolzano decide di acquistare l'edificio e di trasformarlo nel 2001 in Musem Ladin Ćiastel de Tor. Oltre alle esposizioni permanenti riguardanti la cultura ladina, nel corso dell'anno si tengono importanti eventi e manifestazioni.